GOL: La legge di bilancio 2022 introduce informazioni sulla formazione

I commi 249-250 della Legge di Bilancio 2022, nell’ambito del Programma GOL, prevedono accordi fra:

  • autonomie locali;
  • soggetti pubblici e privati;
  • Enti del Terzo settore;
  • associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Gli accordi sono finalizzati a:

  1. realizzare progetti formativi e di inserimento lavorativo nei settori della transizione ecologica e digitale. I settori sono quelli definiti e individuati con Decreto del Ministero del lavoro, di concerto con il Ministero della transizione ecologica e con il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
  2. Inserire e reinserire, attraverso la formazione, i lavoratori disoccupati inoccupati e inattivi e riqualificare i lavoratori già occupati e potenziare le loro conoscenze.

Le imprese, anche in rete, possono realizzare la formazione dei lavoratori, nei medesimi settori, al fine di:

  • fare acquisire ai lavoratori disoccupati, inoccupati e inattivi, previa accurata analisi del fabbisogno di competenze, conoscenze specialistiche tecniche e professionali, anche avvalendosi dei contratti di apprendistato di I e III livello e senza limiti di età (articoli 43, 45 e 47, comma 4, Decreto Legislativo 81 del 2015);
  • istituire centri interaziendali per garantire, eventualmente mediante l’istituzione di conti individuali di apprendimento permanente, la formazione continua dei lavoratori già occupati da riqualificare e agevolarne la mobilità tra imprese.

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA SEZIONE DEDICATA A GOL.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.